Bonus casino e scommesse

I bonus casino sono molto utili per giocare e vincere online. Nel gioco del balckjack si utilizzano svariati bonus, che come per i bonus scommesse, si posso ottenere alla prima registrazione. CI sono poi varie altre promozioni ed offerte relative ai successivi depositi e alle successive giocate, ma quello che vi consigliamo e di ottenere il maggior credito possibile dopo il primo deposito. Il bonus primo deposito e’ il migliore bonus che si puo’ trovare. Ovvero il giocatore deposita e ottiene il doppio. Si usano molto anche come bonus scommesse, ma sul casino di ottengono i migliori risultati. Sulle slot ma soprattutto nel balckjack. Che aspetti? vai su google.it e cerca bonus primo deposito e scegli quello che piu ti piace.

Annunci
Bonus casino e scommesse

Raddoppiare?

Distinguiamo sempre 2 casi prima di scegliere se raddoppiare o no:
Nel caso di una Hard Hand:
– se il giocatore mostra come carta scoperta un 11, raddoppiare se il banco mostra qualsiasi carta tranne l’Asso;
– se il giocatore mostra un 10 si può raddoppiare se il banco mostra qualsiasi carta tranne un 10 o Asso;
– se il giocatore mostra un 9 scegliere l’opzione Double Down quando il banco ha una qualsiasi carta scoperta eccetto un 3, 4, 5 o 6.

Nel caso di una Soft Hand:

– Se il giocatore mostra un Soft 17 o 18, ad esempio un Asso seguito da un 6 o 7, scegliere Double down quando il banco ha come carta scoperta un 3, 4, 5 o 6
– Se il giocatore ha in mano un Soft 15 o 16, ad esempio un Asso con un 4 o 5 scegliere Double Down quando il banco mostra una carta scoperta del valore di 4, 5 o 6
– Se il giocatore ha in mano un soft 13 o 14, ad esempio un asso con un 2 o 3 si può scegliere di raddoppiare la scommessa quando il banco ha come carta scoperta il 5 o 6.
Raddoppiare?

Un po di storia

Il Blackjack, come la maggior parte dei giochi che è possibile trovare nei casinò dal vivo, ed in quelli online, è frutto di un’evoluzione costante che è durata decine di anni, o si potrebbe meglio dire centinaia di anni, di un gioco che ha le sue radici nel passato, in questo caso il “vingt-et-un”, un gioco francese dell’antichità.

Se si è soliti attribuire al “vingt-et-un” la paternità del moderno Blackjack, nel lontano XVII secolo, a quell’epoca era possibile trovare un po’ in tutta Europa degli altri giochi che presentavano diverse somiglianze con l’antenato del Blackjack. Uno dei più conosciuti, od almeno per gli scommettitori italiani, era il gioco del “Sette e Mezzo” che era molto apprezzato dai nobili dell’epoca. Ma a quei tempi era possibile trovare dei giochi con delle regole simili a quelle del Blackjack un po’ in tutta Europa, per esempio in Spagna si giocava la “ventunia”, un gioco talmente popolare che lo scrittore Miguel de Cervantes, celebre per aver creato il personaggio di Don Chisciotte, ha scritto una storia il cui protagonista era proprio un giocatore di “ventunia”.

Ma se questi erano, come abbiamo detto, gli antenati del gioco che noi tutti conosciamo, quando è nato ufficialmente il Blackjack?

Come altri giochi praticati nei casinò europei gli antenati del Blackjack sono arrivati in America con le varie ondate di immigrati che si sono susseguite nel corso degli anni, fino ad approdare in una piccola cittadina, che per contrastare gli effetti della Grande Depressione del 1931 aveva deciso di legalizzare il gioco d’azzardo, quella cittadina era Las Vegas, meglio conosciuta ai nostri giorni per essere il più grande centro del gioco d’azzardo di tutto il mondo.

Il gioco prese il nome di “Blackjack” per il motivo che inizialmente era presente una regola che preveda il pagamento di una vincita pari al dieci volte la puntata fatta se si era così fortunati da ricevere un Asso ed un jack di Picche come prime due carte. Ovviamente questa eventualità era molto rara ma il richiamo del Jack Nero (il Black Jack) era così forte che il gioco prese il nome di questa puntata.

Dopo una trentina d’anni, nel 1962, un matematico, tale Edward O. Thorp, utilizzò uno dei primi calcolatori per delle ricerche sul gioco del Blackjack.

Analizzò le statistiche inerenti alla distribuzione delle carte fino ad ottenere delle tabelle che gli permisero di ottenere la “strategia di base del Blackjack”. Ai nostri giorni Thorp è ancora uno dei personaggi più importanti nel mondo del Blackjack.
Thorp, infatti non aveva solo posto le basi per la moderna strategia di base del Blackjack, ma aveva anche ipotizzato che un giocatore che fosse riuscito a contare le carte uscite nel corso di una mano avrebbe potuto modificare il suo gioco potendo così prevedere le sue prossime carte.

Dopo circa una ventina d’anni degli studenti del prestigioso MIT (Massachusetts Istitute of Technology) utilizzando la strategia di Thorp, il conteggio delle carte, e le tabelle del Blackjack riuscirono a vincere diversi milioni di dollari dai Casinò americani prima che questi potessero cambiare il loro regolamento interno per
evitare l’insorgere di simili situazioni in futuro.

Il Blackjack era ormai entrato nell’immaginario collettivo come il gioco che poteva permettere di vincere milioni di dollari in poche ore di gioco.

Un po di storia